martedì, dicembre 1

Spelt pasta again!




Back to the spelt pasta (and this shape is called THIMBLE.
I know this time it is not so nice and colourful like the last few times, but I swear it's as tasty as the the other dishes!..and a bit strange, I guess!



Again I got the idea from some cooking lessons during a Sunday Farmer Market that I got used to visit regularly...again, it was winter, endives and pears were in season and I was thrilled by this unusual matching...



it really works because the sweetness of the caramelized pear steals the bitter notes of the endives or if you prefer the other way around, the bitterness of the endives steals the sweet notes of the caramelized pear!!!



PAN FRIED ENDIVES and CARAMELIZED PEAR SPELT THIMBLES

2 serves:
1 head of endive
2 pears
160 g spelt pasta
1 tablespoon sugar
1 tsp EVO oil
salt and pepper

Cook the pasta. In the meanwhile slice the pears (the round shape is nicer, but whatever it would be good!) and put in a pan with sugar. Cook till brown and caramelized (be careful not to burn them!!!). In another pan (bigger one) toss the outer leaves of a head of endive with the oil. When the pasta is ready, pour into the pan together with the pears and stir thoroughly to combine the flavours!Salt and pepper to taste.

PASTA al FARRO CON INDIVIA E PERE CARAMELLATE

per 2:
1 cespo di indivia
2 pere
160g pasta al farro
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di olio EVO

Cucinare la pasta. Nel mentre tagliare a rondelle le pere e caramellarle in una padella con un cucchiaio di zucchero. In un'altra padella saltare le foglie esterne dell'indivia con l'olio. Aggiungere la pasta e le pere e saltare un paio di minuti per amalgamare il tutto.

domenica, novembre 29

WInter Salad



Today something light.
And even though having a cold SALAD during winter time is not a favourite of lots of people,
this salad is especially called WINTER salad because it’s made with wintery ingredients.



I know that it can not seem the proper time now, when it’s almost summer here
(except that these last few days here in Adelaide called back a bit of winter!!!),
but I tried this salad a few month ago and never had the chance to post it



…and now here it is…probably all the ozzie friends will have to wait next winter to find all the right ingredients, but it would be perfect for the Italian ones!!!



WINTER SALAD

1 endives’ heart
2 mandarins
½ grapefruit
2-3 radishes
½ fennel
1 teaspoon of honey
1 teaspoon of EVO oil
Salt, pepper

1 cuore di indivia
2 mandarini
½ pompelmo
2-3 ravanelli
½ finocchio
1 cucchiaino di miele
1 cucchiano di olio EVO
sale e pepe

Take just the light green heart of 1 endive. Wash it properly and put the leaves in a bowl. Add, sliced radishes, mandarins (washed with rind) and fennel. Squeeze the grapefruit and mix the juice with a teaspoon of honey, a teaspoon of EVO oil, salt and pepper to taste. Pour over the salad and toss to combine.
Prendere solo il cuore chiaro dell’indivia. Lavarlo bene , separare le foglie e metterle in una ciotola. Aggiungere i mandarini (con la buccia), i ravanelli e il finocchio a fette. Schiacciare il pompelmo e combinare il succo con il miele, l’olio, sale e pepe. Versare sull’insalata e mescolare.


giovedì, novembre 19

La pasta al FARRO...or SPELT pasta!


After lots of sweet treats, let's go back to something savoury!!!
I must say that PASTA is not one of my favourite dish and I never make it just for myself.
But since my dad brought me home a package of SPELT pasta directly from a mill in north west Italy, I could easily change my mind!
I really love the strong, full and a bit particular taste of spelt that comes out when you bite the pasta...and it matches perfectly with any kind of veggie!



When I move to Australia, I was a bit worried not to have my spelt pasta anymore,
but luckily a regular "load" arrived in my mail box to make me and my dinner guests always happy!!!



Here I tried with some grilled vegetables...
well, it turned out to be a perfect and colourful spring/summer dish
(I think it would be nice even cold as a pasta salad)!



SPELT PASTA with GRILLED ZUCCHINI and CARROTS

serves 2:
160g spelt pasta
2-3 carrots
2-3 zucchinis
bunch of basil
2-3 tsp olive oil
salt and pepper

Slice lengthwise carrots and zucchini and grilled in a hot grill plate sprinkled with salt. Put then the grilled veggies in a big frying pan (or a wok) with a bit of olive oil and let rest.Cook the pasta in salty boiling water (it's a kind of pasta that stay quite hard, so do not overcook!!), drain and transfer to the pan with veggies. Add some basil leaf and heat through, tossing to combine. Transfer to dish, add some more fresh basil and pepper.

domenica, novembre 15

Back...with even more cupcakes!!!!



Here I am…yes, this time it took a little bit longer to focus my thought on the blog and collect everything to post again.
Sorry for all the Italian friends, but the switch to English come earlier than I was thinking.
It’s easier and save a little tiny bit of time!!!
Anyway, anyone can understand I think and if you do not and are interested in the recipe feel free to write and ask!!



I’m back and as I promised the last time I have to complete the cupcakes series!!!
This time something perfect for the present cold Italian autumn…and a little bit less perfect for the hot Ozzie spring (but most people say that chocolate is perfect at any time!!!!).
OK, I should thank again Mae for this…yes, my cupcake-mate….
After these last creations she left to go back to her hometown and we couldn't mess up our kitchen together anymore! (I’ll keep my promise to come visit once, do not worry!!!)


The funniest thing this time it was decorating, of course…
Making branches and leaves means sticky chocolate everywhere
(benches, floor, clothes…and cats too!!!!!!),
but it was worth it, isn't it?



DOUBLE CHOCOLATE MUD CUPCAKES

Make 12 standard size:
60g dark eating chocolate, coarsely chopped
160 ml water
90 g softened butter
220 g brown sugar
2 eggs
100 g self-raising flour
2 tbsp cocoa powder
40 g almond meal

ganache:
100g milk eating chocolate
60 ml cream

decoration:
50 g dark eating chocolate melted

Combine chocolate and the water in a small saucepan and stir over low heat until smooth. Beat butter, sugar and eggs until light and fluffy. Stir in sifted flour, cocoa, almond meal and chocolate mixture. Pour mixture into lined cases and smooth. Bake at 170 ˚ C for 25 minutes. Let the cakes cool. Make ganache: bring to boil cream and pour over chocolate in small bowl and stir until smooth. Let cool a bit and spread over the cakes. To make the decoration simply melt the chocolate and over a hard surface create branches or spread a thin lay of chocolate on the back of a small real leaf. Rest in freezer till set and then peel the leaf away.


lunedì, agosto 24

More Cupcakes!



Ecco qui la seconda infornata!
Sono un po’ più elaborate questa volta e direi altrettanto carine col loro ciuffetto spumoso e i riccioli gialli…fresche e deliziose anche come dolcetto estivo!



Ammetto che non è tutta opera mia!
Un grande aiuto mi è stato dato da una preziosa amica senza la quale probabilmente le meringhe non sarebbero riuscite (ho sempre avuto problemi con le meringhe!!).
Inoltre neppure questa volta posso citare il libro depositario della ricetta originale e prometto che la prossima volta do tutte le indicazioni
…prossima volta? Eh già, queste cupcakes hanno ancora delle sorelle a seguire!!!! Alla prossima dunque!



LEMON MERINGUE CUPCAKES

Per lo stampo da 12:
125 g burro
2 cucchiaini di scorza di limone grattugiata
150 g zucchero
2 uova
80 ml latte
60 g farina di cocco
185 g farina auto lievitante

per la crema:
4 tuorli
75g zucchero
2 cucchiaini di scorza di limone grattugiata
60 ml di succo di limone
40 g burro

per le meringhe:
4 albumi
220g zucchero
95 g farina di cocco

Preparare la crema mischiando gli ingredienti in una ciotola e cuocere a bagnomaria finche la crema si addensa (al punto di ricoprire il retro di un cucchiaio). Rimuovere, coprire e lasciare raffreddare.
Sbattere il burro, la scorza di limone, le uova in una ciotola finche il composto e chiaro e spumoso. Aggiungere il latte, il cocco e la farina setacciata. Dividere il composto negli stampi (imburrati o rivestiti con gli stampi di carta) e livellare la superficie. Cucinare in forno a 180˚ C per 20 min circa. Far poi raffreddare e quando sono fredde tagliare al centro un buco di 2 cm e riempirlo con la crema.
Preparare le meringhe sbattendo con uno sbattitore elettrico gli albumi finche si formano leggere creste. Aggiungere gradualmente lo zucchero sbattendo finche si dissolve e aggiungere poi il cocco. Mettere il contenuto in una siringa e formare I ciuffi su ciascuna cupcakes. Infornare per 5 minuti nel forno caldo a 220 ˚C finche le meringhe si colorano leggermente.



English translation:

Here the second batch… a bit more complex and as tasty as the other ones, with their soft tuft and some yellow curls…refreshing and delicious, they are a perfect summer dessert! I admit that I have not bake alone and a precious friend gave a huge help. Probably without her the meringues would never have turned out (I always had trouble in making meringues!) Unfortunately, neither this time I can give you the title of the book where the recipe come from, but I promise next time I will give all the references…next time? Of course, these cupcakes have more siblings to follow!!! Wait for the ones…!

LEMON MERINGUE CUPCAKES

Makes 12 (standar muffin size):
125 g butter, softened
2 teaspoon finely grated lemon rind
2/3 cup caster sugar
2 eggs
1/3 cup milk
¾ cup desiccated coconut
1 ¼ cups self-raising flour

Lemon curd:
4 egg yolks
1/3 cup caster sugar
2 tsp finely grated lemon rind
¼ cup lemon juice
40g butter

Coconut meringue:
4 egg whites
1 cup caster sugar
1 1/3 cups shredded coconut, chopped finely

Make lemon curd: combine ingredients in a small bowl over small saucepan of simmering water, stirring constantly, until mixture thicken slightly and coats the back of a spoon. Remove from heat. Cover and refrigerate until cold.
Beat butter, rind, sugar and eggs in a small bowl with electric mixer until light and fluffy. Stir in milk and coconut, then sifted flour. Divide mixture among cases, smooth surface. Bake about 20-25 min in oven (180˚ C). Let cakes cool and then cut a 2cm deep hole in the centre and fill with curd.
Make meringue: beat egg whites in a small bowl with electric mixer until soft peaks form: gradually add sugar, beating until dissolves. Fold in coconut. Pipe meringue on top of each cake. Bake in hot oven (220 ˚ C) for 5 minutes until meringue is browned lightly.

venerdì, agosto 14

Cupcakes!



Qualcosa di goloso per interrompere una lunga assenza.




La ricetta è questa volta tratta da un libro che purtroppo al momento non ho tra le mani e non posso quindi citare, ma provvederò al più presto dato che, e vi avverto già, questo piccolo dolce piacere è il primo di una serie che di sicuro asseconderà i gusti di più o meno tutti…ad eccezione di chi i dolci proprio non li manda giù!!!!

Il nome originale per queste cupcakes è “Froufrou”…e direi che il loro aspetto da proprio l’idea di spensierata frivolezza!!!



FROUFROU

Per lo stampo da 12:
125 g burro ammorbidito
220g zucchero
3 uova
75g farina
35g farina auto lievitante
40g farina di cocco
80g panna acida
150g lamponi surgelati

Frosting:
60g burro ammorbidito
160g Philadelphia
2 cucchiaini di aroma al cocco
480g zucchero a velo
farina di cocco o cocco a scaglie
lamponi

Sbattere burro, zucchero e uova in una ciotola finché il composto risulta chiaro e spumoso. Aggiungere le farine setacciate, il cocco, la panna e i lamponi. Dividere l’impasto negli stampi imburrati e livellare la superficie. Cucinare in forno a 180˚ C per 40 min. Sformare e lasciare raffreddare. Per il frosting, sbattere il formaggio, l’aroma e il burro finché leggero e cremoso e sempre sbattendo con lo sbattitore elettrico aggiungere gradualmente lo zucchero a velo. Quando i cupcakes sono freddi cospargerli con il frosting e rotolarli nel cocco e decorare con i lamponi.



And for all my English speaking friends finally a proper translation (way better than the google one!!!!!!):

Here something yummy in order to interrupt one long absence. This time the recipe comes from a book. Unfortunately I don’t have it with me right now and I cannot give any references. But I will do it as soon as possible since, and I’m telling it right now, this little sweet treat is the first one of a series that will satisfy everyone’s taste, with the exception of the ones who don’t like sweet things!!!! The original name of these cupcakes is “Froufrou”… and I can certainly say that their outfit give the perfect idea of thoughtless frivolity!!!

FROUFROU
125g softened butter
1 cup caster sugar
3 eggs
½ cup plain flour
¼ cup self-raising flour
½ cup desiccated coconut
1/3 cup sour cream
150g frozen raspberries
Frosting:
60g softened butter
160g cream cheese
2 teaspoons coconut essence
3 cups icing sugar
desiccated or flaked coconut
raspberries

Preheat oven (180˚C). Grease muffin pan or line with paper cases. Beat butter, sugar and eggs in a small bowl with electric mixer till light and fluffy. Stir in sifted flours, coconut, cream and frozen raspberries. Divide mixture among cases; smooth surface. Bake about 40 minutes and turn cakes onto wire rack to cool. Beat butter, cream cheese and essence in small bowl with electric mixer until light and fluffy; gradually beat in sifted icing sugar. Spread cakes with frosting; roll cakes into coconut and decorate with raspberries.

venerdì, luglio 10

E "bruschetto" pure io!!



Oggi qui piove e quindi ho finalmente un po’ di tempo per stare a casa e aggiornare questo blog che ultimamente mi vede lontana (ma come sempre, non preoccupatevi non sono ASSOLUTAMENTE lontana dalla mia cucina!!!). Decido di pubblicare questo delizioso pranzetto domenicale che mi sono preparata qualche settimana fa e con questo partecipo pure alla raccolta quasi in scadenza di Sapori DiVini: “BRUSCHETTIAMO”!!!



Ed è stato un pranzo completo direi, con portata principale e dessert!!!



Ora, la raccolta prevede che ad ogni bruschetta inventata bisogna abbinarci un nome.
Qui avrei avuto bisogno di mia sorella, che con le sue magiche invenzioni trovava sempre il nome perfetto per ogni piatto, ma alla fine qualcosa ho trovato pure io!



Allora, ho scelto “BAC & M” per la bruschetta salata. Pronunciato all’inglese (“bec and em”) può ingannare le menti, infatti, potrebbe sembrare una bruschetta super carnivora con bacon e ham appunto…in realtà è ovviamente completamente vegetariana e il nome viene semplicemente dall’iniziale di ciascun ingrediente (dal basso in alto: Brie, Avocado, Carrot e Mushroom)!!!



La bruschetta dessert la chiamo invece “sweet sweet banana” infatti, è mooooolto dolce, ma con il pane nero è perfetta…
e poi, un po’ di dolcezza in più la domenica fa sempre bene!!!
Spero vi piacciano I nomi e gli abbinamenti…io mi sono divertita ad inventare entrambi!!



BRUSCHETTA “BAC & M”

pane di segale
Brie
Avocado
Carota
Funghi cremini
Basilico, olio, sale, limone

Pulire i funghi, togliere i gambi e cucinarli in una piastra un paio di minuti per lato. Prima con il cappello verso l’alto. Sulla stessa piastra abbrustolire il pane a fette. Spellare le carota e tagliarla a strisce con il pelaverdure. Metterle a riposare in abbondante olio, sale, pepe, basilico e qualche goccia di limone. Disporre sul pane bollente una fetta di brie sottile, una fetta di avocado, un cucchiaio di carote (scolate dall’olio), e un funghetto abbrustolito. Completare con un ciuffo di prezzemolo, qualche goccia d’olio (e ok quello avanzato dopo aver tolto le carote) una spolverata di pepe!

BRUSCHETTA “SWEET SWEET BANANA”

Pane di segale
Banana
Yoghurt bianco
Miele
Cannella
Zucchero

Lavorare lo yoghurt con il miele e la cannella (quantità variabili a seconda del grado di dolcezza desiderata). Tagliare la banana a fette abbastanza spesse e caramellarle in un padella antiaderente con 1-2 cucchiai di zucchero. Abbrustolire il pane, spalmarlo con lo yoghurt e disporre sopra le fette di banana caramellate, concludere con una spolverata di cannella , un filo di miele e una fogliolina di menta per guarnire!!!


lunedì, giugno 29

Una "dolce" zuppa



Avevo detto che quest’inverno sarebbe stata la stagione delle zuppe
 e promettevo una zuppa postata a settimana, poi mi sono un po’ persa, 
forse perché l’inverno a cui di solito sono abituata non è mai arrivato e per mettere una calda soup sul fuoco ogni volta aspetto quelle poche giornate sotto i 15 gradi!!



Ma finalmente l’occasione è arrivata, 
e dalla mia cucina e uscita questa “dolce” zuppa colorata…




"dolce” non perché servita come dessert, 
ma semplicemente perché ho scelto l’abbinamento sweet corn (mais dolce) e sweet potato (kumera, una patata arancione dal gusto simil zucca)!!




ZUPPA KUMERA e MAIS

1 cipolla
1 cucchiaio di olio
2 cucchiai di farina
400 ml di brodo vegetale
500 g Kumera pelata
1 scatola grande di mais (440 g)
2 tazze di latte

Saltare la cipolla a fette in una pentola con un cucchiaio di olio. Aggiungere la farina e mescolare a fuoco medio per 1 minuto. Aggiungere gradualmente il brodo e la Kumera a cubi. Portare a ebollizione, abbassare il fuoco e cuocere per 10 minuti circa, finché la kumera è morbida. Aggiungere il mais e il latte, riportare a bollore. Servire calda con coriandolo fresco o prezzemolo.


sabato, giugno 20

Una delle tre torte di compleanno!



Finalmente dopo tanti compleanni è arrivato anche il mio!
E per l’occasione ben tre torte sono state preparate.
Si, lo so normalmente non ci si deve auto preparare la torta di compleanno, ma quando a qualcuno piace immensamente cucinare e non vede l’ora di trovare l’occasione per mettersi ai fornelli non c’e tradizione che tenga e cosi ieri dalla mia cucina sono uscite tre creazioni per essere mangiate in tre differenti momenti della giornata.


Purtroppo solo una di queste ha avuto la fortuna di essere immortalata (in scatti comunque frettolosi che non so quanto giustamente le rendano onore!!!).
Ma siccome tutte sono state un buon successo prometto che mi metterò all’opera per re impastare e re infornare cosi da poter poi fotografare anche le altre due!!!




BAKED CHEESECAKE al CIOCCOLATO e MANDARINI

per la base:
125 g burro freddo
80 g zucchero
200 g farina
80 g cacao

per il ripieno:
250 g cottage cheese (o philadelphia)
50 g miele
2 mandarini grossi (buccia e succo)
2 uova

per la decorazione:
2 mandarini
½ tazza di zucchero
1 tazza di acqua

Impastare velocemente insieme gli ingredienti per la base. Formare una palla e lasciare riposare in frigo per mezz’ora. Stendere l’impasto e rivestire la base e i bordi di una tortiera da 22 cm e rimettere in frigo per un altra mezz’ora.
Preparare il ripieno lavorando a crema il formaggio con il miele (ah, io ho usato un miele aromatizzato al lemon-myrtle che è una pianta locale dal sapore appunto di limone!!!), aggiungere il succo dei mandarini e le bucce grattugiate, infine le uova e mescolare bene il tutto.
Togliere dal frigo la base e cucinarla in bianco per 15 min nel forno a 200˚ C. Abbassare il forno a 180˚, togliere la base e versarvi il composto, re infornare e cuocere per 30-40 min, finché il ripieno risulta compatto.
In un pentolino sciogliere lo zucchero con l’acqua, immergervi le fette di 2 mandarini e lasciare sobbollire per 20-30 minuti. Scolare e decorare la torta, quando si è raffreddata!


Ah, dato che è (ops, è stato) il mio compleanno faccio una piccola eccezione e posto la foto del mio auto regalo.
Non a nulla a che fare con cibo e cucina, ma è troppo bello per non meritare una foto sul mio blog:
ecco OZZIE, il mio gigante buono!!



sabato, giugno 13

La Torta Salata di Paolo



È passato un po’ dall’ultima ricettina…ma non vuol dire che abbia abbandonato la mia cucina, anzi!…solo che il passaggio dal piatto al PC richiede a volte un po’ più tempo del previsto e altri impegni scavalcano purtroppo questa fase…
Ma eccomi qui di nuovo con una semplice, ma sempre ottima ricetta!!


Questa è la torta salata di Paolo (in una delle sue mille varianti) perché è lui il depositario originale della ricetta che direi ormai ha viaggiato un po’ per tutto il mondo…la ricetta intendo (…anche Paolo un po’ a dir la verità!). 
Di paese in paese, di bocca in bocca non ho ancora trovato qualcuno che non abbia apprezzato…grazie Pa’!!!



TORTA SALATA PATATE,YOGURT e ROSMARINO

1 confezione di pasta sfoglia
4 patate medie
3 uova
1 vasetto di yogurt
100 g di parmigiano
tasty cheese (qui in Australia, magari dell’ottima scamorza in Italia!!!)
rosmarino, sale e pepe

Cuocere a vapore le patate già tagliate a fette, ma non farle diventare troppo tenere. In una ciotola sbattere le uova con lo yogurt, aggiungere il parmigiano grattugiato, il rosmarino (tanto a seconda dei gusti) e aggiustare di sale e pepe.
Rivestire una tortiera con la pasta sfoglia. Versare sulla base un paio di cucchiaiate del composto e poi disporre le fette di patate. Grattugiare un po’ di formaggio (tasty cheese, scamorza o quello che avete a disposizione) e ricoprire col resto del composto. Spolverare con un po’ di parmigiano e infornare a 180 ˚ C per 40 min circa.

domenica, maggio 31

Da zuppa a focaccia



Ve la ricordate la zuppa di qualche settimana fa?...carote e coriandolo?!?
...be’, diciamo che ne avevo fatta in abbondanti dosi e non sembrava diminuire col passare dei giorni…cosi mi si sono presentate varie opzioni:
 farci un risotto, condirci una pasta, congelare...



…alla fine avevo deciso di usare la zuppa per fare il pane…
ma di mettere le mani in pasta quel giorno non avevo poi tanta voglia e cosi il tutto si è tramutato in un panfocaccia!!!...




mischi, sbatti, aspetti, versi, inforni…e mangi!!!
Soffice e profumata al punto giusto, non so se fosse meglio calda appena uscita dal forno o fredda il giorno dopo!!!





PANFOCACCIA CAROTE e CORIANDOLO

250 ml di zuppa
100 ml acqua
350 g farina
1 cucchiaino di sale
1 bustina di lievito di birra
1 cucchiaio di burro

Mettere in una ciotola farina, sale e lievito al centro iniziare a versare gli ingredienti liquidi e mischiare prima per amalgamare il tutto poi energicamente per un paio di minuti finche non cominciano a formarsi delle bolle. Coprire con la pellicola e lasciare lievitare un paio di ore in un luogo caldo. Passato il tempo mischiare ancora e versare in uno stampo da plumcake unto. Lasciare lievitare ancora mezz’ora e infornare a 200 C per circa 40 min, o finche uno stuzzicadenti esce asciutto.



mercoledì, maggio 27

I pasticcini del compleanno



E un'altro compleanno e` nell'aria...questa volta tocca al mio papa`!!!
Penso che non abbia mai messo il naso tra queste pagine, ma lo stesso mi sembrava ingiusto non pubblicare anche una ricetta per lui.

Poi magari oggi un salto lo fa e sono sicura che trovarsi una piccola dolce sorpresa lo fara` felice



...oppure no, visto che puo` solo guardare e non toccare...
Meglio dai, che e` a dieta!!!
Per lui ho scelto di sperimentare (e dalla forma non troppo perfetta, lo si puo` vedere che era il mio primo tentativo!!) i classici dolcetti alle mandorle...i PETIT FOURS...



li ho profumati al mandarino e ci stava proprio bene.
Papa` credimi, sono proprio buoni!!!
BUON COMPPLEANNO allora e spero tu possa festeggiare con una VERA torta!!!!



PETIT FOURS al MANDARINO

per 10:
100 g di farina di mandorle
75 g di zucchero a velo
1/2 cucchiaio di fecola
1 albume
1 mandarino
mandorle, (ciliege candite) per guarnire

Mischiare farina, zucchero, albume e fecola. Aggiungere la scorza grattuggiata delmandarino e qualche goccia di succo. Mettere il composto (che risulta un po' appiccicoso) in una tasca da pasticcere e formare dei ciuffetti o chioccioline in una teglia rivestita di carta da forno.Guarnire ciscuno con una mandorla (o quello che preferite) Aspettare 10-15 minuti e inforranre per 10-15 min a 190 C.